Languages

Socials

Share us:


Submit CCMMMA - Centro Campano per il Monitoraggio e la Modellistica Marina ed Atmosferica in Delicious

Submit CCMMMA - Centro Campano per il Monitoraggio e la Modellistica Marina ed Atmosferica in Digg

Submit CCMMMA - Centro Campano per il Monitoraggio e la Modellistica Marina ed Atmosferica in FaceBook

Submit CCMMMA - Centro Campano per il Monitoraggio e la Modellistica Marina ed Atmosferica in Google Bookmarks

Submit CCMMMA - Centro Campano per il Monitoraggio e la Modellistica Marina ed Atmosferica in Stumbleupon

Submit CCMMMA - Centro Campano per il Monitoraggio e la Modellistica Marina ed Atmosferica in Technorati

Submit CCMMMA - Centro Campano per il Monitoraggio e la Modellistica Marina ed Atmosferica in Twitter

Submit CCMMMA - Centro Campano per il Monitoraggio e la Modellistica Marina ed Atmosferica in Twitter

Le Ottobrate romane e la tendenza dei prossimi giorni

Le ottobrate romane erano tradizionali gite domenicali che si svolgevano a Roma nel mese di Ottobre fino ai primi decenni del XX secolo. Nella Roma pontificia la scampagnata fuori porta era favorita da improvvisi ritorni di bel tempo e di clima gradevole, che spesso accompagnava questi periodi. La tradizione delle ottobrate romane rimase viva fino ai primi anni del novecento ma ancora oggi, quando parliamo di bel tempo in ottobre, diciamo"che bella ottobrata".

Dopo i nubifragi che hanno interessato la nostra regione tra la prima e la seconda decade del mese, la situazione meteorologica è andata definitivamente migliorando nel corso del fine settimana del 19-20 ottobre. I

nfatti un campo di alta pressione di matrice africana ha raggiunto le regioni meridionali e parte del centro, favorendo un ritorno a condizioni di tempo stabile e mite per la stagione. Tale evoluzione meteorologica è stata agevolata da un affondo ciclonico sull'Europa occidentale, il quale ha letteralmente spaccato la nostra penisola in due: il nord è stato interessato da correnti umide e instabili di scirocco, gran parte del centro sud da correnti calde e secche di origine sahariana.

Nei prossimi giorni una perturbazione atlantica tenterà di erodere il muro anticiclonico che insiste sulle nostre regioni, ma il suo tentativo risulterà invano. La Regione Campania si troverà ai margini di questo nuovo peggioramento che coinvolgerà direttamente le regioni settentrionali, la Toscana, Umbria e Marche. Le condizioni, quindi, resteranno stabili per gran parte della settimana, fatta eccezione per il passaggio di locali velature o nubi più consistenti tra mercoledi e giovedi.

Le temperature continueranno a permanere su valori quasi estivi, specie nelle ore centrali della giornata. I venti spireranno dai quadranti meridionali, da deboli a moderati e il mare risulterà in prevalenza da poco mosso a mosso, specie a largo.

Secondo le ultime elaborazioni dei modelli matematici, il bel tempo e le temperature "quasi estive"insisteranno anche nel prossimo fine settimana.

Confermeremo nei prossimi aggiornamenti.